PROVE DI CARICO SU PALO

Applicazioni e scopi principali:

Determinazione della capacità portante su micropali e pali di piccolo medio e grosso diametro, in riferimento alle nuove norme NTC inserite nel DD.MM. 14 Gennaio2008.


Metodologia prove di carico su pali di fondazione
Il metodo più affidabile per la determinazione della capacità portante di un palo è quello di sottoporlo a una prova di carico. 

In base alle N.T.C. del 2008 (cap. 6.4.3.7.1 per le prove di progetto su pali pilota e cap. 6.4.63.7.2 per le prove di verifica in corso d’opera), è necessario eseguire prove di carico statiche su pali il cui numero dipende dalla quantità dei pali eseguiti.

Tali prove consistono nell'applicare al palo di prova una successione di carichi e scarichi tale da coprire il carico di esercizio del palo e il carico di collaudo dello stesso del valore di 1,5 volte il carico di esercizio. 

Tale carico si raggiunge con 5 incrementi di carico consecutivi e relative stabilizzazioni e monitorato con n° 3 trasduttori collocati sulla testa del palo (C1, C2, C3) vedi fig.,1.
Raggiunta la stabilizzazione dei cedimenti, al carico di collaudo fa seguito una fase di scarico, eseguita in 5 steps e prolungata fino al completo scarico del martinetto (0 kN) con successiva stabilizzazione del palo.

Con la nostra attrezzatura, siamo in grado di eseguire prove di carico sia su micropali che su palidi piccolo, medio e grande diametro, con elevate portate di progetto.



Fig.1: Schema carico e strumenti di misura.



Fig.: 2 Prova di carico su palo


Metodologia prove di carico a trazione su pali per impianti fotovoltaici

Il metodo consiste nell’applicare alla testa del palo, precedentemente infisso nel terreno, una successione di carichi che siano ortogonali all’inclinazione dei pannelli fotovoltaici e che consentano di determinare la portata e la lunghezza dei pali da installare, ottimizzando il progetto ed evitando sprechi di materiale, con un conseguente e sensibile vantaggio economico.


Fig.2: Prova di carico a trazione